SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGIA, BELLE ARTI E PAESAGGIO PER LA CITTA' DELL'AQUILA E I COMUNI DEL CRATERE

 

La nuova Soprintendenza Unica Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città dell’Aquila e i Comuni del Cratere è stata istituita nell’ambito della riorganizzazione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo seguita alla recente riforma (DPCM 29 agosto 2014, n. 171 e successivi decreti attuativi).

 

La Soprintendenza Unica è attiva dal 10 marzo 2015 e opera nei settori della tutela archeologica, architettonica, paesaggistica, storico-artistica e etnoantropologica, svolgendo anche il ruolo di stazione appaltante nel territorio di competenza. Ad essa sono dunque affidati i compiti prima attribuiti a quattro diversi istituti periferici del Ministero: le tre Soprintendenze di settore (Archeologica, per i Beni Architettonici e Paesaggistici e per i Beni Storici Artistici e Etnoantropologici) e la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Abruzzo.

 

Il territorio di competenza della Soprintendenza Unica comprende il “cratere sismico”, composto dal Comune di L’Aquila e da altri 56 comuni situati nel territorio circostante, compreso tra il Gran Sasso e il Velino Sirente, lungo la valle dell’Aterno fino alle gole di Popoli.

 

Questo sito, in corso di progressivo aggiornamento, intende illustrare nel modo più ampio l’attività della Soprintendenza rendendone accessibili contenuti e programmi, per agevolare il rapporto tra cittadini e Amministrazione, con particolare riferimento al complesso quadro normativo, tecnico ed operativo legato alla ricostruzione post sisma. Si rivolge agli enti, alle amministrazioni, ai proprietari dei beni sottoposti a tutela, ai professionisti, agli operatori e a quanti altri hanno rapporto con il patrimonio culturale del territorio, come tramite e strumento per accedere alle procedure, alle informazioni e ai servizi attivi nel settore.